Appello prolungato dei compositori italiani alla musica da biblioteca “drammatica”

Appello prolungato dei compositori italiani alla musica da biblioteca “drammatica”

Un giorno dell’estate del 2011, Lorenzo Fabrici è andato con gli amici in un magazzino abbandonato fuori Roma. Il custode dell’edificio sostiene di averlo acquistato per circa 100 dollari e di averli fatti entrare per vederne il contenuto: 10.000 LP in vinile, secondo Fabregas. Sono stati accolti per prendere quello che volevano, ha detto il proprietario; Stava producendo birra nello spazio e non erano di alcuna utilità.

Fabricius ha iniziato la sua carriera come fan di dischi rari. Questo set, precedentemente di proprietà di Radio Vaticana (stazione di proprietà del Vaticano), non era necessario per tutti in Italia in quel momento. Ma Fabrice ha trovato qualcosa che non aveva mai visto prima: musica “da biblioteca”: vaghe registrazioni in vinile di canzoni scritte direttamente per radio, televisione o lavori pubblicitari, compositori italiani formati in materia, arrangiamenti ricchi di informazioni, archi, funk e jazz.

“Non ero interessato a questo argomento quando ho iniziato”, ha detto Fabrice in una recente chiamata Zoom da Roma, dove ha diretto l’etichetta di ristampa. Versioni musicali sonar Dal 2013. “Hanno stampato 200, 300, 500, 1.000 copie, ma non erano destinati a negozi o distributori. Sono stati dati solo ai circoli ristretti di supervisori musicali, giornalisti e persone che lavoravano in televisione”.

Sonor è una delle numerose etichette che hanno fatto rivivere i classici italiani del genere bibliotecario europeo negli ultimi decenni (a luglio ha pubblicato la colonna sonora perduta del film “Emmanuel in America” ​​di Nico Fidenko del 1977 e “Utopia” di Sandro Brocknoli). Dagli anni ’60 agli anni ’80, sono stati investiti molti soldi in temi: i produttori di TV e radio avevano bisogno di musica con titoli di testa, scene d’azione o romantiche, scene di giochi o pubblicità. I compositori ben preparati avevano accesso a grandi ensemble e budget, soprattutto quando gli italiani scavalcavano i recinti.

“Senti queste cose, ridi perché ridi, è registrato con strumenti molto costosi, e non c’era modo che pensassero che questo tema avrebbe funzionato in nessun film”, ha detto un collezionista, Mike Wallace. Galleria Opere del compositore italiano Fioro Emiliani nel 2017. “E ‘molto là fuori.”

READ  Rafael Nadal Vs Reilly Opalka Anteprima, testa a testa e previsione

L’ultimo album del produttore e compositore Adrian Jung “Negro americano” Le spine croccanti includono proliferazioni orchestrali simili. “Era come ascoltare musicisti di formazione classica per creare musica nera moderna, ma per l’Europa, queste band pazze saranno con te, ma sarà comunque divertente”, ha detto Junge. “Avevano molta libertà perché non facevano questa musica per un pubblico specifico”, ha detto. “Quindi, se hanno bisogno di qualcosa di drammatico, possono fare qualcosa di molto bizzarro [expletive] Non devi avere a che fare con qualcuno che dice “questo non è abbastanza”. “

A causa della sua mancanza di vita professionale, l’uscita di molti compositori di talento è stata oscurata per anni. Ma alla fine degli anni ’90, etichette come Easy Tempo hanno iniziato a ripubblicare registrazioni e raccolte di opere italiane. Lasciando cadere queste manicure vecchie di decenni sulla mappa wen di produttori di hip-hop, collezionisti di dischi e fan a breve termine Lounge rianimato, Che ha creato un’increspatura.

Ennio Morricone, il più famoso compositore di partiture drammatiche per cosiddetti “occidentali tumultuosi” come “buono, brutto e cattivo”, è il più grande dell’epoca della musica italiana. Ma quando i collezionisti iniziarono a trovare i dischi di Emiliani, Brugnoli e Alessandro Alessandroni, il pozzo del talento italiano iniziò ad apparire molto più profondo.

Anche la diffusa sperimentazione del tavolo bibliotecario italiano va esaminata nel contesto della sua epoca. Dalla fine degli anni ’60 all’inizio degli anni ’80, i cosiddetti “Annie de Piombo” o “Anni di piombo” in Italia furono pieni di disordini tra oppositori di sinistra, di estrema destra e neofascisti. “È devastante”, ha detto Fabrice. “La gente ha aperto il fuoco per le strade, scontri con la polizia”. Anche se questi compositori sono chiusi negli studi, i suoni incredibili che creano sono come siti web per un mondo diverso.

In quella ricca atmosfera, i compositori italiani ascoltano anche la musica creata dai neri americani. Il rock classico dell’epoca è stato influenzato da innovatori tra cui Robert Johnson, Howlin Wolf e Chuck Berry; I confini furono spinti da Miles Davis, Thelonius Monk e Charles Mingus; E il Funk e l’R&B stavano ribollendo su etichette come Stocks e Motown. Poi, naturalmente, c’erano colonne sonore di film di successo come “Shaft” e “Superfly”.

La musica nera è arrivata alla ribalta del cinema tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’70; I compositori europei e i compositori italiani hanno preso questo suono e lo hanno integrato con i loro insegnamenti classici “, ha affermato Junge. “Ha creato successi che hanno ispirato i produttori di hip-hop dopo molte generazioni di tentativi di trovare i migliori modelli. È diventato un tesoro per molti di noi”.

Per le storie basate sui personaggi dell’hip-hop, un genere strutturato nel trovare loop da registrazioni che alcuni hanno ascoltato, queste canzoni hanno chiesto di essere messe in pratica. Il ricco produttore è stato uno dei primi a modellare Un record di biblioteca italiana Per un vasto pubblico, nel suo album del 2000 Quasimoto, “Invisibile.” Cut chimico ha utilizzato un brano della pubblicazione più popolare di Alessandroni, “Marcia all’aperto”, Il suo LP del 2006 “Ascolto del pubblico”. Non appena si sparse la voce sugli italiani, ebbe luogo una corsa agli armamenti di collezionisti.

“Ero molto interessato a Morricone e ho iniziato a comprare molte delle sue registrazioni, e poi potresti trovare persone come Bruno Nikolai, Alessandroni, Ris Ordolini”, ha detto Sven Wunder, un musicista di 37 anni di Stoccolma. “Natura morta,” Venerdì, uno degli equivalenti moderni più vicini alla biblioteca italiana. “Ogni chiave di registrazione sembra finire nella sezione della biblioteca ad un certo punto.”

Le prime due registrazioni di Wunder, “Eastern Flowers” e “Wapi Sabi”, riflettono l’influenza dei compositori mediorientali e del jazz giapponese nell’ultimo anno, ma “Natura Morta” è una chiara approvazione del pool della biblioteca italiana. Scritto principalmente durante le epidemie, presenta il ritmo noioso dei classici degli anni ’70, in cima alla categoria degli archi di 15 pezzi. (“Avrebbero dovuto essere 16, ma non tutti i giocatori potevano ottenere la giusta quantità di metri”, ha detto Wunder della sessione di registrazione della distanza sociale. “I giocatori di double pass dovevano andare.”)

READ  Il ghiaccio italiano di Jeremiah per aprire la prima location nell'area di Houston

Distribuito e pubblicizzato negli Stati Uniti dal Robcots Web Store gestito da Ethan Albat (proprietario dell’etichetta di ristampa Now-Again Records) e Light in the Attic, “Natura Morta” presenta un brillante flauto, singoli Fender Rhodes e melodie affilate. È musica sottile e drammatica e il 2021 sarà un momento difficile per la maggior parte degli artisti indipendenti. (Questo è stato fatto con l’aiuto di una sovvenzione del governo svedese.)

Albert ha elogiato l’album come un’invenzione: “Entrambi hanno cercato di capire come farlo, entrambi sono rispettosi e non c’è derivazione”.

La maggior parte dei compositori che Fabrice ha fornito al nuovo pubblico non è più viva, e la musica viene ancora scoperta; Sonor pubblicherà un’altra colonna sonora di Alessandroni questa estate. Una grande sfida è sul lato commerciale delle cose, ha detto Fabrice. Mentre le grandi etichette hanno consolidato la loro lista negli ultimi decenni, il lavoro delle biblioteche si è perso nel caos.

“È così difficile” trattare con le etichette chiave, ha detto, perché la musica da libreria non è una priorità per loro. “Il problema è che non sanno di esserne il proprietario. Non lo sanno perché non hanno i documenti. Non hanno i contratti originali”.

Ma Wallace è stato sepolto negli archivi alla ricerca di un cilirppaik che trova tali collezionisti. “È una cosa molto disgustosa di queste cose, ma è così divertente, impariamo cose nuove ogni giorno”, ha detto. “Sappiamo più di cinque anni fa. Sappiamo più di quanto sapevamo l’anno scorso”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UFFICIOSPETTACOLI.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Ufficio Spettacoli.it