Gli studiosi hanno scoperto il poema epico italiano di 550 anni di Sultan Mohammed

Gli studiosi hanno scoperto il poema epico italiano di 550 anni di Sultan Mohammed

La storia è piena di opere d’arte perdute, ma a volte la fortuna offre una gemma da scoprire. Il poema epico rinascimentale di 5.000 righe, scritto dal poeta italiano in memoria del sultano ottomano Mohammed il Conquistatore, è stato scoperto dal filisteo barone Akman, professore associato di scienze sociali all’Università di Ankara, e sua moglie e accademica, Beasat Akman.

Intitolata “Amiris, de Vida et Gestis Mahometi Turkoram Imperatoris” (“Emiro: vita e conquiste dell’imperatore di Turchia”), quest’opera fu scritta nel 1475 dal poeta e storico Gian Mario Filfo.

I coniugi Akman, in un’intervista all’Agenzia Anatolica (AA), hanno parlato degli aspetti dell’innovazione e del lavoro. Quest’opera non è stata tradotta in turco o inglese per quasi 550 anni della sua storia e non è soggetta ad alcuno studio accademico.

Beasat Akman ha detto che ha lavorato con sua moglie in Occidente secondo i turchi e l’Islam. “Cerchiamo costantemente di trovare nuove fonti. Nella nostra ricerca, abbiamo visto molti riferimenti a quest’opera e all’autore, ma non abbiamo mai visto quell’opera. Anche le citazioni per questo lavoro sono state citate da citazioni. Non abbiamo incontrato un incontro leggendo il lavoro dall’inizio alla fine.” Ha detto.


“Amiris, de Vita et Gestis Mahometi Turkoram Imperatoris” (Emir: Life and Conquests of the Turkish Emperor Mehmood), poema epico latino di 5.000 righe scritto da Gian Mario Filfo in memoria del conquistatore del sultano Mehmood nel 1475. (foto AA)

Akhman ha affermato di avere una copia dell’opera stampata in Italia nel 1978 e ha sottolineato che avrebbero cercato di ottenere un manoscritto latino originale dalla Biblioteca Bibliotech de Geneva a Ginevra, in Svizzera.

Ha spiegato che il loro primo passo è stato quello di completare la traduzione della poesia.

“Finora deve essere stato tradotto in molte lingue, non solo in turco, e deve essere stato oggetto di molti studi. Riuscite a immaginare un italiano che scrive 5000 righe su Sultan Mehmet nel XV secolo che non è stato tradotto in nessuna lingua, ” ha detto Akman.

READ  Le semifinaliste italiane T20 si sono sistemate non appena è iniziata la partita 50 over

“Se quest’opera fosse stata scritta su un imperatore cristiano, credo che sarebbe stata menzionata tra i poemi epici classici come l’Iliade di Omero e l’Aneit di Virgilio, non su un sovrano turco musulmano. L’hanno imprigionata negli archivi delle loro biblioteche”.

“Non c’è dubbio che questo lavoro ha avuto un impatto senza precedenti sulla storia orientalista. Vorremmo prima tradurre questo lavoro in turco e inglese e poi analizzarlo. Non lo so. Non ha attirato l’attenzione di nessuno per cinque secoli”, Egli ha detto.

Bellini della Letteratura

Akman ha sottolineato che la poesia di Filefo è storicamente significativa quanto il ritratto del famoso sultano Mohammed il Conquistatore dell’artista veneziano Gentile Bellini.

“Indubbiamente, quest’opera non è diversa dal ritratto di Mehmet di Bellini. Quello che l’uno ha fatto con l’arte della pittura, l’altro con la letteratura. È importante che quest’opera si presenti in modo rinnovato ai nostri popoli e alle altre culture. Attraverso questo progetto, miriamo a colmare questa lacuna”.

Nel frattempo, Phyllis Akman ha fornito alcune informazioni sullo sfondo e sulla storia del poema.


'Amiris, de Vita et Gestis Mahometi Turkoram Imperatoris' (Emir: Life and Conquests of the Turkish Emperor Mehmet), poema epico latino di 5.000 righe scritto da Gian Mario Filfo in memoria del sultano conquistatore Mehmood nel 1475.  (foto AA)
“Amiris, de Vita et Gestis Mahometi Turkoram Imperatoris” (Emir: Life and Conquests of the Turkish Emperor Mehmood), poema epico latino di 5.000 righe scritto da Gian Mario Filfo in memoria del conquistatore del sultano Mehmood nel 1475. (foto AA)

Dopo la presa di Istanbul da parte del sultano Mohammed, tra i prigionieri c’era anche il nipote del mercante veneziano Othman Lillo Fertucci di Angona. Ferdinando ha inviato una lettera al Sultano chiedendo il rilascio di suo cognato, e il Sultano lo ha rilasciato senza alcun riscatto.

Influenzato dalle immense gesta del Sultano, Ferdinando prese con gratitudine il nome di “Othman” perché “Othman” era il nome dell’antenato del Sultano Mehmet e del fondatore dell’Impero Ottomano. Nato a Pera nel 1426, chiese al suo amico il poeta rinascimentale Qian Mario di scrivere un poema epico sul sultano Mehmet, descrivendo i suoi successi e successi.

READ  Il St. Anne Italian Street Festival attira centinaia di persone a Hoboken

“Intendeva ringraziare il Sultano e ringraziarlo”, ha detto.

Akman ha osservato che l’opera sarà tradotta dal latino al turco e all’inglese con letture letterarie dettagliate e spiegazioni del contesto storico. Ha detto che il loro scopo era quello di tenere il libro sugli scaffali per alcuni mesi.

Il libro sarà pubblicato da Copernicus Publishing con il titolo “Emir: Five Centuries of Fathy’s Epic”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UFFICIOSPETTACOLI.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Ufficio Spettacoli.it