“Italian Love Cake”: un romanzo

“Italian Love Cake”: un romanzo

Il primo romanzo di Gail Raytono, Italian Love Cake, è uscito questo mese. Ambientato nel romanzo precedente alla seconda guerra mondiale, una giovane donna italo-americana di seconda generazione si fa strada come bottegaia e fornaia nel New Jersey rurale. La storia esplora le crescenti divisioni della politica e di una società che si prepara alla guerra. Nonostante le circostanze sempre più terribili, la trama è guidata da un personaggio principale impavido, fiducioso e indipendente, entusiasta, Mary Genovese. Rifiutando le pressioni patriarcali della sua realtà, Mary rivendica la sua libertà in ogni momento.

Il personaggio trae ispirazione dalla nonna della signora Raydono e dalla sua città natale. Sig.ra. Raythano ha vissuto a Polinas per molti anni e ha ricoperto diversi ruoli locali, tra cui quello di amministratore delegato del Polinas Community Land Trust prima di scrivere cinque anni fa. Si è seduto con Light per parlare del suo nuovo romanzo, uscito la scorsa settimana, disponibile nei libri di Point Rice.

Leggero: Cosa ti ha spinto a iniziare a scrivere?

Ridano: Quando lavoro per qualsiasi lavoro retribuito, mi alzo a mezzanotte e scrivo. Ho un’idea, devo alzarmi e farlo perché non riesco a dormire. Sembra così romantico che l’ho torturato e sapevo che mi stava stringendo.

Cinque anni fa, quando è uscito questo libro, stavo lavorando a una consulenza e mi svegliavo a mezzanotte e iniziavo a scrivere questo libro. La prima bozza è uscita molto velocemente in questo modo. Sapevo che era un’idea realizzabile. Un anno dopo, quando io e mio marito abbiamo deciso, lo avrei dedicato. È stato stupefacente.

La comunità qui – il Mesa Refuge, i libri di Point Rice, le biblioteche locali e tutti questi scrittori che vivono qui e nella Bay Area – è un luogo per la scrittura di talento e per aiutare a scrivere. Avevo preziose linee guida.

Leggero: Qual è la tua ispirazione per il romanzo?

Ridano: Volevo ricreare la vita di mia nonna e di sua madre. Volevo ristabilire la loro azienda. Sebbene limitata dai tempi e dalle circostanze, ho voluto ricrearle come le femministe che erano.

Mia nonna materna era una donna meravigliosa, poteva fare di tutto: poteva aggiornare i mobili, poteva realizzare abiti con abiti Chan Chan e abiti fantasiosi su misura. Suo marito è un contadino. Lei può fare qualsiasi cosa. Un giorno torna a casa nella sua fattoria con la madre e uccide un serpente che provoca danni in giardino; Lo teneva fuori dal santuario. Lei è stata fantastica. È questo tipo di figura di Barbara Stanwick. È un’ispirazione per me.

READ  Mass Female Crohn & Inflammation stabilisce la posizione italiana sul ghiaccio per la raccolta fondi

Volevo trovare l’Italia. La prima generazione qui, volevo mostrare come l’Italia non assomigliasse a quella generazione che era la generazione di mia nonna. Erano curiosi dell’Italia e del loro passato in Italia e della loro discendenza, ma non ne sapevano nulla. O quello che sanno al riguardo rifiutano nell’influenza per diventare americani. Un argomento comune come questo in molti libri che sono appena usciti è: una donna che vuole scoprire cosa sapevano i suoi antenati e com’era la loro vita. In ogni caso, gran parte della storia delle donne è andata perduta. Volevo ricreare anche quello.

Leggero: Parlaci della struttura del romanzo.

Ridano: È una città fantastica, ma ha sede ad Hammondon, nel New Jersey. Questa è la foresta di pini del New Jersey meridionale, che è l’equivalente tra Atlantic City e Philadelphia. È una di queste città del Jersey e non è molto vicina a niente. È molto rurale, è molto piatto e la pineta è di 1,1 milioni di acri di pineta. Questa è un’area speciale, protetta, ovviamente assediata da oleodotti e cattiva politica.

La città è molto interessante. Almeno quando sono cresciuto era per metà anglosassone, o alcuni italiani lo chiamavano yankees o americani, poi erano italiani. C’erano due di questi gruppi; Ora, ovviamente, ci sono ancora molti gruppi perché abbiamo lavoratori agricoli migranti. C’è molta agricoltura. È la capitale mondiale dei mirtilli e, naturalmente, prende il nome dal più grande coltivatore di mirtilli là fuori. Sociologicamente, la città è molto interessante ed è sicuramente un’ispirazione.

Ho scelto di scrivere della città e della strada principale, anche se la mia esperienza è più nelle fattorie. Metà della mia famiglia sono commercianti, metà sono agricoltori. Quindi ho avuto entrambi. Sono molto interessato alla piccola città d’America, a come si regola con le sue diverse etnie.

READ  La Federcalcio italiana proroga a un mese il termine per la retribuzione di marzo della Serie A

Leggero: Parlami di alcuni temi importanti che i lettori dovrebbero aspettarsi.

Ridano: Ho sempre voluto scrivere dei miei italiani e del mio background, ma sentivo che un pubblico generale sarebbe stato interessato all’Italia, agli italiani e, auspicabilmente, agli italoamericani, fino a quando non sono usciti i libri di Elena Ferrant. Ho sempre pensato che il livello di interesse degli italoamericani nei confronti dell’Italia sia diverso. Volevo collegare i due paesi. Il mio editore è principalmente un editore educativo e molte delle cose di cui parlano combinano l’esperienza italiana e quella italo-americana. Parlano della diaspora, di come è per le persone, di come la sociologia si regola.

Una volta, a una cena con i romani in Toscana, mi è stato detto che ero italiano. Sono scoppiati a ridere e hanno detto: “No, non lo fai. Sei uno yang. “Poi, quando ero negli Stati Uniti, al college e poi a New York, a volte la gente diceva che ero italiano, e c’era un po ‘di confusione e pregiudizio razziale. Quindi non potrei possederlo da nessuna parte. Mi infastidisce sempre e penso che infastidisca tutti coloro che vengono in America da qualche altra parte. Fa parte dell’esperienza dell’emigrante. Dura.

Leggero: Quali altri temi del romanzo?

Ridano: Il femminismo è sempre. Le donne sentono la forza che hanno e questa è sempre in cima alla mia lista di categorie di lavoro. È fantastico che mia madre sia ancora viva; Ha alcuni amici, alcuni dei quali sono nel South Jersey, la chiamano e sono molto eccitati. Amano così tanto il libro. Volevo rianimarli – man mano che crescevano e stavano morendo – che lo sapessero o no, e volevo riguadagnare la forza che avevano per loro. Si estende alla politica nel South Jersey, che in alcuni luoghi è molto conservatrice e repubblicana. Volevo tracciare una linea, allora come oggi, basata su dittatori, potere maschile violento, potere ad ogni costo. Volevo davvero lavorare con temi che le donne affrontano così tanto ora. Voglio dire, non finisce mai. Questo era vero per mia nonna, ed era vero per noi.

Leggero: Parlaci del tuo personaggio principale, Mary.

Ridano: Amo Mary. Credevo davvero che Mary fosse comprensiva. Anche se è molto acuta, sta guidando verso un obiettivo e può rimanere cieca perché non si accorge delle cose che deve notare. È motivata, è ambiziosa. Ha un grande cuore ed è una persona morale nonostante la sua relazione. La amo perché non è perfetta; È una vera donna. La sua sessualità le appartiene. È il personaggio di cui volevo scrivere. Alla fine deve prendere una decisione – o non prendere una decisione, o lasciarla al lettore, e non lo lascerò così – non è una scelta facile. Spero sia arrivato.

READ  I migliori 30 Teli Bagno Grandi per te

Leggero: Cosa speri che portino i tuoi lettori, in particolare le tue lettrici?

Ridano: Voglio che si arrabbino di più per il cattivo comportamento di molti uomini. Penso che le donne dovrebbero esigere rabbia e rispetto. È in corso una guerra per stabilire se siamo o meno cittadini di seconda classe, sotto tutti gli aspetti: fisicamente, la nostra sicurezza, le nostre libertà fisiche e la nostra autonomia. Ora abbiamo diritti di seconda classe in molte parti del paese. E, naturalmente, non sono solo le donne, è anche quello [racial minorities]. La lotta è in corso. Voglio che alle donne venga dato più potere e più voce su ciò che deve accadere.

Leggero: Dopo aver scritto questo romanzo per cinque anni, com’è finire un libro durante le epidemie?

Ridano: Il libro è già finito per quanto riguarda tutte le scene e tutti i personaggi, ma quest’anno ho fatto gli ultimi pettinature. Ho letto quel libro probabilmente 10 volte e durò dritto, per quanto ho potuto, allo stesso tempo. Covid l’ha indurito, ha avuto meno energia e ha macinato. Non è stato facile spingermi a fare il lavoro finale di portare al libro un libro che potesse passare tra le carte durante la baia. Non è facile.

Per quanto riguarda un tempo creativo, non è, non è definitivo. Ogni sera scrivevo due delle mie frasi sulla mia rivista del piacere, cosa che riuscivo a gestire. Comincia a cambiare e la scrittura è così buona.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UFFICIOSPETTACOLI.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Ufficio Spettacoli.it