La tragedia di Alberto Askari è che è l’unico pilota italiano di F1 a vincere con la Ferrari

La tragedia di Alberto Askari è che è l’unico pilota italiano di F1 a vincere con la Ferrari

L’articolo è stato pubblicato per la prima volta su The Sportsman il 13/07/20

Alberto Askari aveva sette anni quando suo padre, Antonio, morì.

Quasi tre decenni dopo, quando Alberto morì alla stessa età del padre; Lo stesso giorno del mese e quasi nello stesso modo fu ucciso anche Alberto.

Sebbene non vincano un Campionato del Mondo da 13 anni, dopo l’ultima vittoria di Kimi Raikkonen nel 2007, la Scoteria Ferrari è la squadra di maggior successo nella storia della Formula Uno. Il produttore italiano ha 15 titoli al suo famoso nome, più di qualsiasi altro costruttore in 70 anni di concorrenza.

Alberto Askari è stato il primo a metterli sulla mappa. Dei nove piloti che hanno vinto il Campionato del Mondo Ferrari, è il primo e unico italiano.

Alberto e Antonio Askari

Murray Walker, descritto da “paffuto, asciutto e bello” come “il più grande d’Italia”, dominò le gare del Gran Premio all’inizio degli anni ’50.

“L’unico vero grande campione italiano dell’era della Formula 1”, ha descritto Murray, “con il suo casco azzurro e la maglia senza maniche azzurra, era uno stilista superiore, sempre a suo agio di fronte a una gara, voleva dominare e una volta lo era in testa, il suo stile tranquillo e irregolare ha reso tutto molto più facile “.

Il famoso Enzo Ferrari ha confermato l’affermazione di Murray sulla forza della pista di Ascari: “Se guidato, non puoi sorpassarlo facilmente, anzi è quasi impossibile sorpassarlo”.

Alberto è nato il 13 luglio 1918 a Milano, soprannominato affettuosamente “Ciccio”, che significa “Duppy”.

Sette decenni fa, quando nacque la Formula 1, era guidata da piloti italiani. Il torinese Giuseppe Farina vinse l’anno di apertura dei Campionati del Mondo dell’Alfa Romeo, ma l’anno successivo il record fu stabilito dagli argentini Juan Manuel Fangio, Ferrari e Askari. . A differenza di Farina e Fangio, anche Askari ha guadagnato i suoi titoli prima dell’ultima gara della stagione. È stato il primo pilota a vincere più campionati e per più di un anno nessun pilota oltre all’Ascar ha vinto un Gran Premio.

READ  Stromboli italiano | CD News alle 17:00

Questo successo era sullo sfondo dell’eredità di suo padre. Antonio Askari morì tragicamente il 26 luglio 1925, a seguito di un incidente che portò al Gran Premio di Francia all’Autotrome de Montreux, a sud di Parigi, il campione europeo dominante. In corsa per l’Alfa Romeo, Alberto partecipava regolarmente agli eventi, Antonio ha deviato una lunga curva, il volante si è bloccato nella recinzione e il pilota è uscito dall’abitacolo. Antonio ha 36 anni.

Alberto Askari (a destra) e il famoso Enzo Ferrari

Alberto Askari (a destra) e il famoso Enzo Ferrari

Volendo seguire il suo adorabile defunto padre Alberto, era determinato a perseguire una carriera nel motorsport, quindi ha preso l’abitudine di scappare da scuola. In giovane età ha iniziato a guidare le motociclette prima dell’aiuto dell’amico e mentore Luigi ‘Gigi’ Villoreci, e tra i due si è sviluppato un proficuo rapporto che ha portato ai rispettivi appuntamenti in Ferrari.

Sfortunatamente, Alberto seguirà Antonio in molti modi piuttosto che vincere i round.

Oltre a “Ciccio”, era anche conosciuto come “Piccolo Askari” o “Ascarino”, il famoso figlio del famoso Antonio. Quando è entrato nel mondo delle corse automobilistiche, Alberto ha fatto due promesse: una non avrebbe mai gareggiato senza il suo fortunato casco blu. Secondo, non avrebbe mai gareggiato il 26, giorno dell’incidente di suo padre.

A ventun anni Askari partecipò alla Miglia del 1940, alla guida del Depot 815, la prima Ferrari in assoluto tranne l’Auto Avia Costruzion, fondata da Enzo Ferrari in seguito alla scissione con l’Alfa Romeo. . Nello stesso anno Askari si è sposata e in seguito ha avuto due figli.

Dai un nome al figlio Antonio.

Enzo Ferrari, che era un buon amico del defunto Antonio – poi firmò sia Askari che Villoresi alla sua squadra nel 1949. Askari ottenne cinque vittorie nella sua prima stagione, poi nove anni dopo. Poi è arrivata la prima gloria della Ferrari.

READ  I migliori 30 Federe Cuscino Letto per te

La prima gara del 1952, il GP della Svizzera, entrò in collisione con la 500 Miglia di Indianapolis, che faceva parte del calendario del Campionato del Mondo. Askari ha attraversato l’Atlantico ed è entrato nell’Indiana Speedway, entrando con una Ferrari 375 turbo speciale da 4,5 litri. Askari, il primo europeo a gareggiare nell’era del Campionato del Mondo, ha gestito 40 dei 200 giri con il suo veicolo personale ed è stato costretto al ritiro dopo un testacoda per un guasto alla ruota. Nel frattempo, il suo rivale di F1 Piero Darufi ha vinto la prima gara della campagna al Circuit Premcord. Di conseguenza Askari è tornato in Europa, vincendo i restanti sei Gran Premi della stagione, vincendo facilmente il suo primo Campionato del Mondo dal giocatore della Ferrari Farina.

L'Askari gira sull'Iski 500

L’Askari gira sull’Iski 500

Tuttavia, dopo aver vinto il suo secondo campionato consecutivo l’anno successivo, si unì alla squadra italiana rivale Lancia alla fine del 1953 dopo un disaccordo con Enzo Ferrari, ed era difficile vincere, non a causa dell’incertezza da parte di Askari.

Il 22 maggio 1955, Alberto gareggiò con la sua Lancia T50 intorno al Gran Premio di Monaco intorno a Monte Carlo. Ascari, distratto dalla folla che cercava di informarlo che il suo più vicino rivale, Stirling Moss, non era in gara, ha visto una curva avvicinarsi molto velocemente. Dividendo la seconda fine tra la vita e la morte, ha caricato la sua auto attraverso gli ostacoli e nel Mar Mediterraneo. Askari e la sua Lancia sono scomparsi in superficie.

Pochi secondi dopo, è apparso il suo elmetto blu pallido, salvando rapidamente l’autista scioccato che era stato portato in un ospedale in barca. Alberto aveva sofferto solo un naso rotto per compassione.

READ  'Aborto della giustizia': gli avvocati italiani riaprono il processo al famoso poeta Dante, World News

Una volta è scampato alla morte.

Quattro giorni dopo, all’Autotromo Nacionale di Monza, affronterà di nuovo Spectre e non sarà così fortunato.

Askari è già stata dimessa dall’ospedale e si sta preparando per la gara di resistenza di 1000 km Super Carthage.

Si stava preparando per tornare a casa a pranzo con la moglie Maria. Ha preso in prestito dal suo amico e compagno di squadra Eugenio Castellotti in due volte campioni del mondo Sport Ferrari e casco. Askari romperà due voti che ha fatto nella sua vita.

Per dimostrare ulteriormente il puro, reale pericolo che esisteva in questo periodo, due anni dopo, Castellotti fu ucciso nel 1957 mentre provava una nuova Ferrari all’Autodromo di Modena. Viaggiando a una velocità media di 85 miglia orarie, Castilotti si è scontrato con una curva, il suo corpo ha attraversato 100 metri sulla pista.

La sua Ferrari ha sbandato inaspettatamente mentre usciva dalla corsia di sorpasso al terzo giro. Girando il naso, minacciò due volte. Alberto, come suo padre, fu espulso mentre si ammalava lungo la strada. Le sue ferite sono molto gravi.

Incidente che ha ucciso Alberto Askari

Incidente che ha ucciso Alberto Askari

Morì il 26 maggio 1955, all’età di 36 anni. È morto così come è vissuto, seguendo Antonio.

“Bell Base” ha il cuore spezzato e l’intero paese sembra aver subito una perdita.

“Alberto Askari era rattristato dall’Italia intera”, ha spiegato Walker.

Al suo funerale in Piazza del Diomo, grandi folle si radunarono e piansero. Con vigore, nella chiesa di San Carlo al Corzo lesse l’unico italiano che vinse il mondiale con un’enorme scritta Ferrari: “Finalmente l’anima di Alberto Askari, Signore, si incontra”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UFFICIOSPETTACOLI.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Ufficio Spettacoli.it