L’Italia vieterà le grandi navi da crociera nel centro di Venezia per proteggere il lago

L’Italia vieterà le grandi navi da crociera nel centro di Venezia per proteggere il lago

Postato su:

L’Italia ha annunciato martedì che alle grandi navi da crociera sarà vietato l’ingresso nel centro di Venezia dal 1° agosto, dopo anni di avvertimenti che avrebbero causato danni irreparabili alla città piscina.

La decisione, confermata in una riunione di gabinetto dal presidente del Consiglio Mario Draghi, arriva a pochi giorni dalla riunione dell’organismo culturale dell’Onu, l’UNESCO, che ha proposto di aggiungere Venezia all’elenco dei patrimoni pericolosi.

“Il decreto adottato oggi segna un passo importante per la sicurezza del sistema del Venice Pond”, ha affermato Drake in una nota.

Ha aggiunto che ci sarebbero soldi per mitigare l’impatto sull’occupazione.

La mossa vedrà le navi più grandi dirottate verso il porto industriale della città di Margarita.

Tuttavia, questa è vista solo come una soluzione temporanea, con i ministri alla ricerca di idee su un nuovo terminal permanente.

Gli attivisti chiedono da anni il divieto di spedizione attraverso Piazza San Marco.

Dicono che i giganteschi hotel galleggianti stiano minando le fondamenta della città e causando grandi onde che sono dannose per il fragile ecosistema del suo lago.

La polemica è riemersa con il ritorno il mese scorso dopo un’epidemia di coronavirus, lontano dalla folla di turisti che solitamente riempie le strade di Venezia.

Venezia è stata iscritta nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO nel 1987 come “capolavoro di architettura straordinaria”.

Ma il mese scorso l’ente ha avvertito della necessità di una “gestione del turismo più coerente” e ha raccomandato di aggiungere Venezia alla sua lista di patrimoni pericolosi.

Martedì, dopo anni di discussioni sul da farsi con il ministro della Cultura, Tario Francescini, ha affermato che la decisione era urgente.

La prima nave di linea a partire da Venezia dopo le restrizioni Covit-19 ha allentato il porto di sinistra il 5 giugno 2021. © AFP / FRANCIA 24

“Buon compromesso”

“Dal 1° agosto le grandi navi non potranno più raggiungere Venezia attraverso il Bacino di San Marco, il Canale di San Marco o il Canale di Quito”, ha affermato il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini.

Coloro che hanno perso dall’operazione saranno risarciti, e 157 milioni (185 milioni di dollari) saranno investiti nel porto di Margherita.

Ha detto che il divieto è “un passo necessario per preservare l’integrità ecologica, naturale, artistica e culturale di Venezia”.

Questo vale solo per le navi più grandi, che trasportano circa 200 passeggeri e sono considerate “stabili” e saranno comunque ammesse al centro.

Sarà vietato ai carnefici di una qualsiasi delle quattro condizioni: produrre più di 25.000 tonnellate di peso, più di 180 metri di lunghezza, più di 35 metri di altezza o più dello 0,1 per cento di zolfo.

Confudrismo, il vicepresidente dell’Associazione del Turismo, Marco Michelle, ha affermato che la nuova legge significa “un buon compromesso”.

“L’insediamento di Margera manterrà le operazioni portuali a Venezia: da un lato proteggerà posti di lavoro e operazioni, dall’altro libererà il Canale della Quedeca”, ha affermato.

(AFP)

READ  I migliori 30 Sedia Scrivania Ufficio per te

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UFFICIOSPETTACOLI.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Ufficio Spettacoli.it