Nuovo documentario “America’s Last Little Italy” di Donte A. Parla a tutti gli italoamericani del Siampaglia

Nuovo documentario “America’s Last Little Italy” di Donte A.  Parla a tutti gli italoamericani del Siampaglia

Chiamare qualcosa per ultimo è teso, soprattutto quando si tratta di vicini. Ma quando i residenti di The Hill a St. Louis lo vedono, la loro comunità non è solo la Little Italy della città, è l’ultima negli Stati Uniti.

Scooty? Che cos’è? Si possono quasi sentire le accuse e le imprecazioni provenienti dalla costa nord di San Francisco e da Bloomfield a Pittsburgh e dalle varie comunità di Chicago. Sicuramente Little Italy a New York – Little Italy! – Voglio dire qualcosa su questa ingiustizia.

Si scopre che no.

“Pensavamo che New York sarebbe stata troppo difficile per noi, sarebbero sfuggiti al titolo, ma è al 100% il contrario”, dice Joseph Pulio a Star-Review. Lost Little Italy: The Hill di Pulio America, un documentario di 70 minuti sulla comunità, è più una lettera d’amore che una provocazione. “Abbiamo sempre più persone da New York e New Jersey che amano il film e vogliono vedere The Hill adesso”.

Non dovrebbe sorprendere. I piccoli italiani tradizionali, come North Beach e New York, hanno le loro sfumature precedenti, più una trappola per turisti che un’area etnica. Nel caso di New York, il quartiere degli appartamenti e dei festoni è un ricordo color seppia (portato da Barilla Pasta!). Figli, nipoti e pronipoti di italiani all’inizio del XX secolo lo abbandonarono sugli acri del sogno americano a Long Island o Jersey. L’espulsione di quella generazione ha invaso Little Italy a nord di Soho ea sud di Chinatown, spingendola nell’oblio. Ci sono ancora negozi di alimentari italiani, caffè ed enotec, ma sempre meno italiani vivono lì. Allora chi manterrà questo “italiano” e discuterà il titolo del documentario?

Mentre Little Italy a New York è diventata principalmente uno strumento di marketing civico, The Hill a St. Louis è stretto con la sua sensibilità da strada principale italiana. Il quartiere di 52 piedi quadrati è una sorta di comunità che cammina intorno a cui hai bisogno che sembra essere solo in TV, con trattorie, panetterie e paninoteche che rappresentano la comunità residenziale delle case unifamiliari che bevono. “Proprio dal pipistrello che è molto diverso da quello che si vede con una tipica Little Italy”, dice Pulio. “La montagna è un nido. Ci sarà sicuramente una sensazione di ritorno al passato quando andrai in posti nelle vicinanze. Non ti sembra di essere nel 2021. Ha un’atmosfera da vecchio mondo”.

READ  Le foto dell'uomo Terry alla mostra italiana sono al centro della scena

Gli immigrati dalla Sicilia e dall’Italia settentrionale furono attratti a St. Louis alla fine del XIX secolo dalle miniere di argilla e dalle fabbriche di mattoni della città. Gli italiani che lavoravano nell’industria colonizzarono The Hill, un gruppo etnico che dominava all’inizio del XX secolo. La prima ondata che è arrivata a costruire case, aprire attività commerciali e avere famiglie – famiglie molto numerose. Fondarono anche la chiesa cattolica di Sant’Ambrogio, che divenne il centro emotivo di The Hill. (L’attuale chiesa è stata aperta nel 1926 ed è ancora la struttura più alta nelle vicinanze.)

Col passare del tempo, i figli di quei primi immigrati, e in seguito i loro figli, sono cresciuti e sono rimasti su The Hill per stare vicino ai loro genitori e ampliare la rete di parenti, amici e vicini. Non sfuggì alle antiche rivalità che provenivano dal vecchio paese: i siciliani e il popolo del Nord non si unirono, e quando cercarono di superare quell’inimicizia svanì mentre i loro figli si mescolavano a scuola, in chiesa e nel cortile. . The Hill non lascia che le correnti della storia. I residenti sono tornati a contrabbandare durante il divieto, trasformando le fondamenta in distillerie di chiaro di luna. Molti dei suoi giovani si offrirono volontari per prestare servizio nella seconda guerra mondiale; Non tutti sono tornati a casa. La polizia di Sant’Ambrogio Monsignor Salvador ha minacciato di far saltare in aria l’aereo suburbano e bianco del dopoguerra The Hill prima di fare piani di intervento per mantenere i residenti e abbellire il quartiere. La polizia ha svolto un ruolo chiave nel mantenere l’integrità di The Hill dopo che l’autostrada interstatale ha diviso la sua punta settentrionale.

The Hill ha lasciato un segno nazionale sotto forma del miglior Yogi Perra dei New York Yankees e dell’eroe dei St. Louis Cardinals Joe Caraciola. I Catchers e i nativi di Hill, Ferra e Karakiola sono cresciuti entrambi nella stessa strada, erano amici e hanno sviluppato le loro abilità nei giochi di ripresa e nelle squadre di chiesa, spesso l’uno contro l’altro. Sono così bravi a stare nella stessa squadra; Nessun altro ha avuto l’opportunità. Tuttavia, ha ricordato Caraciola, “Non solo sono il miglior catcher della Major League, non sono nemmeno il miglior catcher della mia strada!”

READ  Questa Rolls Royce Phantom è stata catturata dalla dogana italiana. Tu sai perché

Ma non fidarti della sua parola. Una delle ultime delizie americane dell’Italia è ascoltata da Hill Lifers, cresciuto con Perra e Caraciola. Invece di bruciare i miti, aggiungono ricordi e dimensioni ai giocatori di bocce che sono diventati più grandi della vita e, nel caso di Perra, iconici.

“Queste persone non sono mai state intervistate prima”, dice Pulio. “Queste sono storie che hanno raccontato alle loro famiglie negli ultimi 60 o 70 anni, ma ora hanno l’opportunità di raccontarle davanti alla telecamera. Puoi vedere come danno vita a queste storie. “Questo è ciò che Pulio ha visto spesso quando ha girato il suo film. Ha intervistato 30 residenti di Hill di età superiore agli 80 anni che hanno detto:” Di volta in volta ricordano il passato e ricordano questa storia. È un’esperienza incredibile per noi “.

Questo è essenziale per il successo del documentario. Elevare Last Little Italy d’America al di sopra di una produzione di interesse regionale è un ricordo di molte generazioni di residenti di Hill. Quando si è sparsa la voce che Pulio stava girando il film, non ha avuto molti problemi con le persone che gli parlavano. (Questo ha aiutato la sua famiglia a rimanere in contatto con il quartiere e ha trascorso la sua giovinezza dentro e intorno alla comunità.) Non ha avuto problemi a ottenere foto e vecchi filmati casalinghi – materiale catturato senza l’aspettativa che nessuno al di fuori della famiglia lo avrebbe visto. “Era un imbarazzo per la ricchezza”, dice Pulio. “Per questo motivo il film ha credibilità”.

In effetti, il documentario è un ottimo nastro nella pagina del quartiere. Ma è anche un atto di preservazione della cultura. Molti degli intervistati Pulio sono cresciuti con gli immigrati progettati da The Hill; Altri sono immigrati. Sono le fonti primarie della storia. Quasi una dozzina di persone che hanno parlato con Pulio per il film che ha iniziato a produrre nel 2018 sono morte. Quando aggiunge vitalità alla loro partecipazione, enfatizza nuovamente il valore di catturare e preservare i loro ricordi. Piuttosto che la necessità di raccontare questa storia, è un vantaggio per la nostra comprensione dell’esperienza degli immigrati.

READ  Tequila promuove il kiwi biologico italiano

“Per lo più, quando sei italiano, sei ritratto come cibo e soprani e quel tipo di idea”, dice Pulio. “Non mi è mai piaciuto che gli italiani nel nostro film vengano ritratti come caricature o l’idea generale che le persone hanno quando pensano agli italiani”.

Come italoamericano di prima generazione, sono ben consapevole della necessità di superare le stesse cose. Conosco anche l’importanza che i tuoi adulti parlino di dove sono andati in Italia e negli Stati Uniti, e mi dispiace che tu non abbia fatto abbastanza domande mentre erano qui. Sebbene mio cugino italiano sia emigrato nella Pennsylvania occidentale, le somiglianze tra loro e gli italiani di The Hill sono notevoli, con la sfida per loro di apprezzare le fondamenta che rimangono per le generazioni future dal lavorare nei giardini di mattoni alla ricostruzione di una parte del vecchio paese in un nuovo uno. Tutto ha cospirato per creare un’esperienza visiva inaspettatamente commovente.

Hill è l’ultimo dei Little Italians d’America? Chi lo sa. Può essere. La natura e la struttura delle nostre città stanno cambiando – demograficamente, economicamente, politicamente – come sono sempre state e sempre saranno. Non soffermarti su questo. Ovviamente, chiamare il suo film America’s Last Little Italy potrebbe essere come Pulio che vuole provocare una discussione. Ma il documentario è invece un invito – a un ambiente, ovviamente, ma per gli italiani a dialogare con il nostro patrimonio.

“Sono sempre stato orgoglioso di essere italiano”, dice Pulio. “Ma apprezzo molto queste incredibili storie di queste persone anziane – è stata un’esperienza di apprendimento per me. Stare con queste persone, durante queste interviste, se potessi essere ancora più orgoglioso di essere italiano, è così ora”.

America’s Last Little Italy: The Hill è attualmente disponibile in DVD e disponibile per il noleggio o l’acquisto su Amazon Prime Video.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UFFICIOSPETTACOLI.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Ufficio Spettacoli.it