Sei Nazioni di Rugby | Grande intervista: Leonardo Graldini su ritiro e urgenza italiana

Sei Nazioni di Rugby |  Grande intervista: Leonardo Graldini su ritiro e urgenza italiana

Le lacrime e l’emozione sono chiaramente visibili a tutti durante Inno de Mameli.

Quindi, quando l’ex capitano di Assouri ha chiamato per la sua carriera nei test il mese scorso è stato con molto cuore.

Ma Kraltini sa che è ora di inviare il testimone alla prossima generazione. Al livello più alto per più di un decennio, e in più di 100 cappelli, aveva dato tutto ciò che poteva per la causa di Assuri.

Questo non è mai stato vero dopo il campionato 2019, quando una stagione si è conclusa poche ore prima della finale per Kraldini quando si è strappato il legamento crociato anteriore contro la Francia.

Leonardo Graldini

Giraldini ha offerto le sue condoglianze al giocatore del Tolosa Antoine DuPont dopo aver subito un infortunio al ginocchio nel 2019. © Info

Kraldini ha sospeso la sua carriera di club per riabilitare l’infortunio e creare la Coppa del Mondo, solo per essere intervenuto dall’uragano Hagibis e negato un canto del cigno nello scontro a biliardo con la Nuova Zelanda.

Il 36enne ha spiegato: “Non è stata una decisione facile, ma rispetto la maglia e ho fatto tutto il possibile per la squadra azzurra, maglia, Italia.

“Gli ultimi due anni sono stati pazzi perché mi sono infortunato nell’ultima partita del Sei Nazioni contro la Francia nel 2019. Ho cercato di inserirmi per la Coppa del Mondo e ho deciso di seguire il piano della nazionale italiana per recuperare dai Mondiali. Quindi ho deciso di rinunciare a qualsiasi opzione di club.

“Il mio obiettivo era andare alla Coppa del Mondo, l’ho fatto, è arrivato l’uragano, quindi non ho avuto la possibilità di giocare. Dopo di che, avevo 34 anni, quindi ho parlato con la mia famiglia e ho deciso di firmare un contratto in Francia. Covid è venuto e non ho più avuto la possibilità di giocare di nuovo.

“Poi ho avuto l’opportunità di giocare con l’Italia nella Coppa d’Autunno, quindi mi è sempre piaciuto giocare per l’Italia, ma penso che sia il momento giusto. Ti senti dentro quando è il momento di ritirarsi e finire. Penso che sia il momento giusto. Mi sono goduto ogni minuto delle ultime partite, ma ho già detto nella mia vita che mi fermerò quando avrò le gambe e la mente giusta per andare avanti.

READ  Lo studio evidenzia il saldo salariale dei lavoratori domestici stranieri e italiani

“Non voglio finire come un vecchio che gira per il campo. Ho avuto l’opportunità di giocare di nuovo ad alto livello, quindi questa volta voglio smettere di indossare la maglia e andarmene”.

Lavorare con Franco Smith

Tutte e tre quelle finali in autunno hanno dato a Kraldini l’opportunità di lavorare di nuovo con Franco Smith, avendo precedentemente giocato con la Benaton Treviso sotto il Sudafrica.

Kraldini è chiaramente un tifoso e, sebbene non indosserà mai più la maglia blu, il suo interesse per il rugby italiano non è diminuito.

Nonostante le difficoltà dell’Italia per vincere nuovamente il campionato, Kraldini è consapevole dell’urgenza che circonda la squadra, nonostante il suo chiaro desiderio di dare una possibilità alla prossima generazione.

Ha aggiunto: “Devo dire un ringraziamento speciale allo staff ea Franco Smith. Non ho un club, ha accettato la sua responsabilità di non giocare per 19 mesi. Quindi immagina di tornare in campo a livello internazionale dopo due. anni.E ‘stato difficile, ma è stato fantastico.

“Ho avuto l’opportunità di essere coinvolto in un nuovo ambiente perché lo staff stava cambiando e molti giocatori stavano cambiando in Italia lo scorso anno. Ho provato ad aiutare la squadra dentro e fuori dal campo. È stata una buona opportunità per aiutarmi a fare meglio questa nuova squadra.

“Ovviamente i risultati non sono buoni. Sulla base dei risultati sappiamo di essere in un momento difficile in Italia. Cerco di migliorare tutti perché non siamo tutti bravi.

“A volte siamo troppo vicini alla vittoria. Anche quando mi sono infortunato nell’ultima partita del Sei Nazioni nel 2019. Stavamo giocando molto meglio della Francia, il risultato era molto vicino, ma alla fine abbiamo perso per mancanza della giusta mentalità.

“Non siamo abituati a vincere spesso, viene dal club. Se hai la mentalità vincente puoi portarla in Nazionale. Dobbiamo lavorare sodo, non arriverà presto, ma quel tipo di partita contro la Scozia (a novembre) è il tipo che devi vincere, così puoi andare avanti.

“Se vinci quella partita, hai la sicurezza di vincere altre partite dopo. Sai che puoi vincere le partite e tutto il lavoro che hai fatto prima avrà dei risultati.

READ  I migliori 30 Condizionatore 24000 Btu per te

“Perché lavorano così duramente, questo è quello che ho visto. È stato così difficile in allenamento, il modo in cui si allenano, il modo in cui vogliono prepararsi per il livello più alto è incredibile, ma devi prendere decisioni da quello. Questo è ciò che è importante per il rugby italiano “.

Ottima intervista: Kevin Morgan

Giovani leader

Kraldini aveva 21 anni quando ha avuto il suo primo assaggio di rugby internazionale e all’età di 23 anni era il capitano del suo paese.

La nuova squadra italiana del Guinness World Records Junior 2021, il 19enne Stephen Warne e il 20enne Paulo Corpic stanno tirando le fila sulle loro spalle.

Pavlo Corpici

Kraldini ritiene che dovrebbe giocare un ruolo chiave, soprattutto nel futuro e nel presente dell’Italia, citando Karpici come modello per la Francia.

Ha detto: “Negli ultimi anni, le persone di età inferiore ai 20 anni hanno ottenuto buoni benefici. Questo è un momento importante per il tuo passaggio da under 20 a senior. Guardate la Francia, negli ultimi tre o quattro anni hanno vinto negli under 20 e tutti i ragazzi sono stati nei primi 14 campionati.

“Ho giocato con alcuni di loro a Tolosa e Bordeaux. Sono molto giovani ma a loro agio per giocare ai massimi livelli. Lo portano in nazionale e la nazionale è una delle migliori al mondo.

“Anche se i nostri giocatori sono giovani, devono accettare la loro responsabilità. Stiamo perdendo un po ‘di leadership nella squadra a questo punto, quindi dovrebbero prenderla. Anche se hanno 20 anni, non dovrebbero aver paura di guidare la squadra. Se hanno un buon giocatore e la capacità di guidare la squadra, dovrebbero farlo: ci sono molti giocatori in passato, come Marco Portolami e Sergio Paris, che erano leader in giovane età.

“Ora devono diventare uomini perché il rugby e lo sport internazionale generalmente te lo chiedono. Uso sempre l’esempio della Francia perché conosco bene i loro giocatori.

“Se guardi (Romain) Entomac o (Antoine) Dupont, sono molto giovani, ma vedi che il loro passaporto è giovane perché hanno 21 o 22 anni, ma quando li guardi giocare, maturano.

“Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione. In termini di leadership, tutti devono fare un passo avanti. “

READ  I migliori 30 Cover Iphone X Trasparente per te

Successo nel 2013

Per la sua carriera, Kraldini non ha dubbi su quale versione del campionato sia unica. L’Italia ha vinto contro la Francia nel 2013, è arrivata sotto lo sforzo modificato dell’Inghilterra e poi ha concluso la sua campagna sconfiggendo l’Irlanda per la prima volta in sei paesi.

Ricorda: “Ricordo molto bene quando nel 2013 abbiamo vinto la prima partita contro la Francia. L’atmosfera per quella partita era incredibile perché tutti gli ex giocatori italiani erano vicini a noi quando abbiamo cantato l’inno.

“È stato fantastico, è qualcosa che abbiamo molto da fare nel gioco, senti la tradizione, senti qualcuno prima che faccia qualcosa per te, e hai l’opportunità di scendere in campo e divertirti e giocare per le generazioni future .

“Quindi mi sono sentito molto importante, è stato emozionante. Abbiamo vinto quella partita, quelle sei nazioni erano ben sei nazioni per noi. Eravamo molto vicini alla vittoria in Inghilterra, abbiamo fatto una bella partita. Anche se abbiamo perso, abbiamo sentivamo di essere in partita, a Twickenham contro l’Inghilterra, è stato fantastico farlo.

“Successivamente, abbiamo vinto l’ultima partita del Sei Nazioni contro l’Irlanda. Abbiamo controllato la partita per 80 minuti. Quindi sono le sei nazioni che ricordo di più. La seconda vittoria contro l’Irlanda è stata per confermare le dimensioni di quella squadra. .

“Giocavo al Traviso, 17 giocatori su 23 sono del Traviso, abbiamo vinto tanto, ecco perché è importante vincere nel tuo club perché puoi portare quella mentalità in Nazionale.

“La competizione che avevamo in quel momento e la competizione tra i giocatori in palestra, in campo, in analisi, ricordo che era un ambiente molto buono. Quindi è stata la sensazione più bella che ho avuto in sei paesi. Ma in ogni partita in sei paesi, l’atmosfera era incredibile “.

Ora per quanto riguarda le proprie ambizioni, Kraldini spera in un’ultima opportunità per il club, riscuotendo successo in Italia, poi resta con Leicester in Inghilterra e Tolosa in Francia.

Se i giorni in cui gioca vengono dopo di lui, non stupitevi se si offre nuovamente volontario per fare la sua parte per aiutare il rugby italiano. Anche nel sonno, una volta un capitano, sempre un capitano.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UFFICIOSPETTACOLI.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Ufficio Spettacoli.it