Zumba Lahiri, vincitore del Premio Pulitzer, scrive in italiano e la solitudine al centro del suo nuovo romanzo

Zumba Lahiri, vincitore del Premio Pulitzer, scrive in italiano e la solitudine al centro del suo nuovo romanzo

Non c’è niente di timido in Zumba Lahiri. L’autore americano vince il Premio Pulitzer per la narrativa Traduttore di Maladis, 32 anni, e il suo secondo, vincitore del Frank O’Connor International Short Story Award, Terra sconosciuta.

Scrive una prosa intelligente ed elegante che mette a nudo gli errori che ci rendono umani. Il suo argomento speciale è la vita da emigrante e come imbattersi in culture e continenti diversi. Così, nel 2012, all’età di 44 anni, ha smesso di scrivere in inglese e invece è passato all’italiano, che, pur non essendo neanche lontanamente fluente, è stato sorprendente e sorprendente.

“I miei genitori erano sconvolti”, dice della sua decisione. “Penso che lo fossero tutti. Lo so che lo ero.” Da Brooklyn, New York – con suo marito e due figli – ha fatto un viaggio a Roma per catturare una lingua che aveva faticato a imparare per due decenni. Serio, forse, ma ne vale la pena.

“L’italiano mi offre un nuovo panorama, cioè un nuovo modo di pensare alle questioni di luogo e proprietà e cosa questa idea di essere uno straniero e cosa significa in un contesto diverso”.

leggi di più

Rachel Kushner e l’incidente in moto al The Heart Crowd l’hanno quasi uccisa: “Sembrava incredibile”

La lingua gli ha anche dato un libro di memorie, un romanzo, un libro di poesie e una raccolta di racconti, e una nuova identità che è stata meno segnata dalle celebrità letterarie, senza menzionare la sua residenza in Italia. Ha un appartamento a Roma; La capitale italiana è il suo “posto preferito, fermati”, anche se attualmente è tornata nel New Jersey, dove dirige il dipartimento di scrittura creativa alla Princeton University.

READ  Il popolare mercato alimentare italiano si sta spostando in uno spazio urbano ampliato

Lahiri, che è cresciuto parlando bengalese a casa, ha accusato il suo Goldstein – il traduttore di Elena Fernandez – di aver deviato le sue memorie in italiano. In altre parole, In inglese, teme di essere tentato di migliorare la sua scrittura e di tradire la sua nuova lingua.

Ma Posizione, Il suo nuovo romanzo, pubblicato in italiano nel 2018, si è consegnato – un segno del suo talento. “È stato più traumatico di quanto pensassi”, dice, avendo finito lo scorso autunno a Princeton, colpito da un’infezione dovuta al suo regolare rimbalzo avanti e indietro in Italia.

“Ero una specie di pensatore, scrittore e persona sia italiano che inglese, quindi muovermi in inglese non mi è sembrato indietro, ma un interessante cambiamento laterale”.

Il nuovo romanzo di Lahiri “ Luogo in cui si trova ” è stato pubblicato nel 2018 in italiano

Nel Posizione, Una storia senza titolo che ruota attorno a una città senza titolo in una serie di vignette che le danno uno sguardo alla sua vita passata. Il protagonista di mezza età, che vive da solo, chiede: “Ho delle vite che passano per la strada di sotto”. Lahiri, nato a Londra da genitori bengalesi, si è trasferito negli Stati Uniti all’età di tre anni e pensa che i lettori reagiranno in modo diverso al discorso che ha tenuto lo scorso anno.

“Il libro parla di solitudine e solitudine, il desiderio di muoversi e muoversi, la mancanza di movimento e le tensioni dentro e fuori, essere soli e stare con le persone”. Molti progetti di scrittura la stanno seguendo solo nel mezzo delle epidemie.

Nella biblioteca dell’università è scomparso con Dante, Clarice Lispector, Gramsci, Ovidio e Orazio, e ha scoperto il latino, l’ultima volta che ha frequentato l’università, la stessa “salita” che aveva visto in Italia 10 anni prima. Leggere è una certa via di fuga, ma perdersi nei libri richiede impegno.

“Devi sposarti con la lettura. In un certo senso, questa è una relazione molto stretta. Devi darti completamente ad esso, credere che è il centro della tua vita, ti dà tutto nei giorni in cui non pensi nulla. Quest’anno epidemico è sottolineato in modi molto profondi. ”

Se tutto questo fosse troppo per Lahri, il suo libro di memorie rivelerebbe le intenzioni: non qualificato, imperfetto, non abbastanza per il Pulitzer. Inoltre non le piaceva come suo marito, un americano di origine guatemalteca e greca, fosse stato frainteso in italiano.

Ha preso in considerazione la possibilità di pubblicare la sua nuova raccolta di poesie italiane sotto un nome diverso in giugno, ma ci ha ripensato “perché sono molto chiare nella mia poesia. Ma non dire mai di no. ”

“Quello che mi piace è lavorare in italiano, ricreare effettivamente il passato di un personaggio. Posso usare il mio passato per costruire castelli per le storie in quei modi.”

In ogni caso, la sua nuova lingua è qui per restare.

Lettere dalla prigione, Scritto da Antonio Gramsci

“Sono stato in una tana del coniglio di Gramsci e l’ho letto in modo molto esclusivo per alcuni mesi.”

Odisseo, Scritto da James Joyce

“Devo scrivere un articolo su un capitolo di questo, quindi tornerò da Joyce.”

Posizione Rilasci di Bloomsbury per 14,99

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UFFICIOSPETTACOLI.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Ufficio Spettacoli.it